Ciao! Sono Giampaolo Morelli, il protagonista del romanzo: è qui, a San Vito Lo Capo, che ho avuto l'ispirazione.

Tra un tuffo in quel mare cristallino e un cono gelato al 'covo di Minaudo'

 

Finite le ferie la moglie di Giampaolo Morelli torna a Roma lasciandolo in Sicilia insieme con quella verità che da sempre bussa alla sua coscienza: la loro incompatibilità. Lui ha cambiato una ventina di posti di lavoro e subito tre licenziamenti in tronco, riuscendo, però, ad assicurare un certo benessere ai famigliari e a raggiungere la pensione. Ora, a 65 anni, a bordo del suo adorato camper,
sommerso dai tanti contrasti coniugali mai chiariti, scopre il modo di sfogarsi: scrivere per testimoniare quanto l’eccessivo “amore di mamma”, possa rivelarsi nocivo. Così     scorrendo i suoi anni verdi vissuti nella Roma degli anni ’60, capisce di aver sbagliato a sposare sua moglie. La ragazza giusta, che a lungo aveva cercato da giovane, infine l’aveva incontrata, abbandonandola però in fretta per un eccesso di invisibile e “stupido orgoglio di giovane siciliano sbandato.” E mai dimenticata! Quando, inaspettatamente, apprende che ci furono delle interferenze in quella relazione, si sente defraudato e tradito, ma, anche, liberato dalle tante incertezze. E’ la molla che lo fa decidere a rintracciare quella ragazza. Però, non ne trova più traccia in tutta Roma. Dove sarà? Lui non si arrende, corre e rincorre, tra presente e passato, alla ricerca dell’amore svanito. La determinazione, la nuova attività di scrittore e il destino saranno i suoi compagni di viaggio …

TOP